Archivio
Archivio
 
 
 

ARCHIVIO "ALTRO SUONO": STAGIONE 2014/15 - Indietro

 
EYVIND KANG Giovedì 21 maggio 2015 - ore 21.00
EYVIND KANG
Chirality / Virginal Coordinates 2015 (Stati Uniti, Italia, Ungheria)
Teatro Comunale "Luciano Pavarotti"

Prima assoluta

Eyvind Kang direzione, chironomia, viola
Alan Bishop voce
Marco Dalpane tastiere, fisarmonica
MG_INC Orchestra

Musiche di Eyvind Kang

Progetto commissionato da AngelicA

Una coproduzione di AngelicA, Fondazione Teatro Rossini - Lugo Opera Festival
Fondazione Teatro Comunale di Modena - l'Altro Suono festival

con il sostegno di Regione Emilia Romagna - Assessorato alla Cultura

Durata concerto: un'ora e 30 minuti, senza intervallo

 

Chirality | Virginal Coordinates 2015

Eyvind Kang è uno dei talenti musicali più eterogenei del nostro tempo. Violinista, compositore e arrangiatore, unisce composizione e improvvisazione in un territorio che sorprende per incursioni estreme nella tradizione come nella sperimentazione. Artista concettuale, mistico, narrativo, è un viaggiatore che ama legare intimamente i suoi progetti a tempi e luoghi. Fervido appassionato dell’esoterismo underground, lavora in duo con Jessica Kenney e alla guida di varie formazioni incidendo frequentemente per l'etichetta newyorkese Tzadik fondata da John Zorn, per la Ipecac di Mike Patton e per la Ideologc Organ di Stephen O' Malley. Ha collaborato, fra gli altri, con Bill Frisell, Marc Ribot, Arto Lindsay, Sun City Girls, Mr. Bungle, Ikue Mori. Chirality/Virginal Coordinates 2015 è un nuovissimo progetto che prosegue e rivede, a distanza di quindici anni, la realizzazione di Virginal Coordinates, un’esperienza musicale intrapresa a Bologna da Kang con Angelica e che portò alla produzione nel 2004 del sesto disco del musicista americano.

"Nel 2000 ho avuto il grande onore di essere invitato ad AngelicA, dove ho composto la musica di quello che è poi diventato un album, Virginal Coordinates. In quell’occasione, arrivai a Bologna senza aver scritto una nota, poiché ritenevo che il mio lavoro dovesse essere delimitato dal tempo e dallo spazio, dalle personalità e dalle dinamiche dei musicisti dell’ensemble, dalla magia, e così via.
Per una settimana mi aggirai per le strade della città, tutto il giorno e tutta la notte, indossando una giacca grigia e pantaloni grigi, presi in prestito da un operaio delle ferrovie a Seattle. Immaginavo che tutte le persone fossero delle note musicali, che non potevamo venire scritti o manipolati, e che allo stesso tempo facevamo parte di una gerarchia dell’essere, emanati da una nota centrale – forse il sole?
Le nostre prove erano caratterizzate da un interesse profondo per l’intonazione naturale, con partiture che consistevano perlopiù di notazioni sotto forma di diagrammi, interpretati direttamente dai musicisti, e configurazioni spontanee della gerarchia decisionale in un ensemble senza direttore. La presenza di ospiti musicali come Mike Patton e Michael White rendeva l’intero processo ancor più entusiasmante.
Se l’esecuzione venne bene, fu grazie a coloro che pulirono il pavimento, disposero le sedie, gli altoparlanti, diressero le luci, strapparono i biglietti, eccetera. E ovviamente, grazie al pubblico, che ascoltò con una presenza davvero intensa. Quando fu il momento di mixare le tracce, quasi tutti i brani scelti e inseriti nella tracklist venivano dal secondo dei due concerti.
Da allora ho evitato di suonare quei brani dal vivo perché, come dicevo, ritenevo che quella musica fosse legata e limitata a quel luogo e quel momento. Ma ora che sono trascorsi 15 anni, ho pensato di rivisitare il processo. Da un lato, sarebbe come visitare due volte lo stesso fiume. Il mondo è un luogo molto diverso, oggi. La frammentazione delle comunicazioni, che oscura la comunicazione dell’amore, la crisi ambientale, la morte delle lingue – tutti questi sono temi che mi stanno molto a cuore al momento. D’altro canto, è esattamente su questi temi che il
Virginal Coordinates vecchio e quello nuovo convergono: sulla questione dell’amore, e non più solo nel senso metafisico del termine. Mi riferisco all’amore tra due persone, che dà al cuore la capacità di rompersi.
Per quanto riguarda
Chirality, si dice che esista un sentiero della mano sinistra e uno della mano destra. Mentre quello di sinistra è associato a tutto ciò che è infernale, subdolo, manipolatore, quello di destra è considerato un sentiero diritto, onorevole, giusto, eticamente corretto. Il fatto di avere sia la mano destra che la sinistra, o di seguire entrambi i sentieri, è ciò che io definisco “chirale”, nella sua accezione relativa all’uso di una mano o dell’altra, con le ovvie associazioni con la chimica (la trasmutazione dei metalli di base in oro, eccetera) e la fisica quantistica. Chirality è il luogo dove si incontrano la mente e il mondo, il luogo della scrittura, della notazione musicale, del suonare strumenti o del condurre. In realtà, mi riferisco in genere a questo modo di condurre con il concetto di cheironomia, seguendo la pratica musicale raffigurata nell’iconografia degli antichi Egizi."
Eyvind Kang (3 Febbraio 2015) - traduzione di Daniela Furini

Alan Bishop è stato cofondatore nei primi anni 80 del leggendario gruppo free/rock/world music/psichedelico americano Sun City Girls, e dagli anni 90 incide anche lavori in solo o in collaborazione sotto il nome di Alvarius B. Ha fondato le etichette Abduction e, con il nordafricano Hisham Mayet, la Sublime Frequencies, dedicata a "musiche folk, pop e anomalie soniche da tutto il mondo". Altre sue forme di creazione includono opere di collage, film amatoriali, performance, e raccolte di scritti.

Marco Dalpane
è pianista e compositore. Negli anni ’80 si dedica come concertista alla musica delle avanguardie del ‘900 e del secondo dopoguerra. Ha suonato a lungo con Tiziano Popoli (Popoli-Dalpane Ensemble), e con il gruppo avant-rock Ella Guru. Ha fatto parte del gruppo originale che ha realizzato i concerti e l'incisione di Virginal Coordinates con Eyvind Kang, e ha collaborato a progetti di Tony Coe, Lindsay Cooper, Fred Frith, Butch Morris, Alvin Curran e molti altri. Dal 1991 si dedica alla realizzazione di colonne sonore per il cinema muto in veste di pianista e di compositore, e ha partecipato ai più importanti festival musicali e cinematografici italiani ed internazionali, accompagnando dal vivo oltre 750 proiezioni. Nel 2013 ha fondato con Ricardo Nanni l'etichetta A Simple Lunch. www.marcodalpane.com
 
La
MG_INC Orchestra
è il primo ensemble italiano nato grazie a una campagna di crowdfunding (sul sito francese ulule.com) e alla volontà di due giovani musicisti, Myriam Farina (classe 1992) e Guido Ponzini (1985), di creare una realtà musicale unica e inedita. Nonostante la sua recente formazione (ottobre 2013), la MG_INC Orchestra ha dominato palchi di prestigio affiancando artisti di alto rango quali la band metal norvegese Ulver, presso il Teatro Regio di Parma, e Arisa nella diretta televisiva a Che Tempo Che Fa. Distintasi per l’eccezionale qualità artistica del suo insieme, la MG_INC Orchestra opera con l’obiettivo di far emergere i giovani talenti attraverso la commissione di nuove opere inedite oppure attraverso collaborazioni con artisti di fama internazionale, affermati nel campo della ricerca musicale o nell'uso di nuove tecnologie.

 

Teatro Comunale Luciano Pavarotti
Fondazione Teatro Comunale Modena
Fondazione Teatro Comunale di Modena | Via del Teatro 8 - 41121 MODENA | PIVA e CF 02757090366
Tel. 059 2033020 Fax 059 2033021 | E-mail: [javascript protected email address]