Archivio
Archivio
 
 
 

ARCHIVIO "OPERE": STAGIONE 2015/16 - Indietro

 
L'AMICO FRITZ Venerdì 15 gennaio 2016 - ore 20.00
Domenica 17 gennaio 2016 - ore 15.30
L'AMICO FRITZ
Pietro Mascagni
Teatro Comunale "Luciano Pavarotti"

Giovedì 14 gennaio ore 15 Anteprima per le scuole

Progetto OPERA LABORATORIO 2015

Commedia lirica in tre atti. Libretto di P. Suardon
dal romanzo omonimo di
Erckmann-Chatrian

Musica di Pietro Mascagni 

 Personaggi e interpreti
Suzel Clarissa Costanzo / Sarah Baratta (17)
Fritz Kobus Angelo Fiore / Ivan Defabiani (17)
Beppe lo zingaro Aloisa Aisemberg / Nicole Brandolino
David il rabbino Ernesto Petti / Giovanni Tiralongo (17)
Federico Aleandro Mariani
Hanezò Mariano Buccino
Caterina Marta Mari

Direttore Donato Renzetti
Regia Leo Nucci
Regista collaboratore Salvo Piro
Scene Carlo Centolavigna
Costumi Artemio Cabassi
Luci Claudio Schmid

Orchestra Giovanile Luigi Cherubini
Coro del Teatro Municipale di Piacenza
Maestro del coro Corrado Casati

Voci bianche del Coro Farnesiano di Piacenza
Maestro del coro Voci bianche Mario Pigazzini

Coproduzione
Fondazione Teatri di Piacenza,Teatro Alighieri di Ravenna,
Fondazione Teatro Comunale di Modena

Nuovo allestimento

Durata dello spettacolo:
I atto: 25 minuti
intervallo: 20 minuti
II e III atto: 65 minuti


Giovedì 14 gennaio ore 18
INVITO ALL'OPERA

Incontro con
Leo Nucci
Ingresso libero

 Il sensazionale successo di Cavalleria rusticana, nel 1890, aveva fatto sperare in una rinascita dell’opera italiana dopo una crisi ultradecennale. L’anno seguente, Mascagni aveva dato alle scene L’amico Fritz, il suo secondo titolo, con un risultato trionfale per il pubblico di allora che lo vedeva ormai come il compositore più promettente della giovane generazione.

Evitando il confronto con l’opera precedente, Mascagni aveva cambiato decisamente rotta e alla poetica verista aveva preferito la tradizione della ‘commedia lirica’, o sentimentale. L’atmosfera serena e l’ambientazione pastorale fanno pensare a un tardo esempio di genere semiserio, a metà strada fra opera seria e opera buffa. L'azione si svolge in un paese della campagna alsaziana, dove il buon Fritz Kobus, ricco possidente e scapolo convinto, scommette con David, l'amico rabbino, che non riuscirà a fargli prendere moglie. Sarà Suzel, la figlia del fattore, a fargli cambiare idea, complice la gelosia per un suo imminente matrimonio con un giovane del paese.

Lo spettacolo in scena a Modena è frutto di un entusiasmante percorso di formazione rivolto a giovani cantanti e curato da Leo Nucci, che firma anche la regia dell’opera. Il progetto, che si concluderà nel 2017, ha già portato in scena a Piacenza gli scorsi anni, con successo di critica e pubblico, Luisa Miller e L’elisir d’amore. “Penso che ‘Opera Laboratorio’ rappresenti il punto di partenza per ricreare la cultura operistica in Italia – ha dichiarato Leo Nucci. A ragazzi che hanno svolto percorsi di studio importanti, mettiamo a disposizione tecniche, esperienza e competenza per dar loro modo di apprendere il più possibile. Dico ‘noi’ perché il lavoro deve essere collettivo per essere completo: sono affiancato da nomi importanti nel mondo del teatro italiano come Carlo Centolavigna, Salvo Piro e Claudio Schmid. L’importante non è eseguire un’opera, ma mettere in scena quello che il testo dell’opera comunica e per farlo non basta avere una bella voce, bisogna sapere interpretare il verso, la singola parola. Riuscire a trasmettere la pratica e l'amore del lavoro quotidiano è il nostro compito”.

 

Teatro Comunale Luciano Pavarotti
Fondazione Teatro Comunale Modena
Fondazione Teatro Comunale di Modena | Via del Teatro 8 - 41121 MODENA | PIVA e CF 02757090366
Tel. 059 2033020 Fax 059 2033021 | E-mail: [javascript protected email address]