Opera

SATYRICON

Bruno Maderna

venerdì 09 novembre 2018 20:00
domenica 11 novembre 2018 15:30


Opera da camera in un atto
Libretto di Ian Strasfogel e Bruno Maderna
da Satyricon di Petronio

Personaggi e interpreti
Trimalchio Tom Martinsen
Fortunata Michal Doron
Scintilla Katerina von Bennigsen
Criside Tahnee Niboro
Quartilla Jennifer Riedel
Habinnas Timothy Oliver
Niceros Bernhard Hansky
Eumolpus Matthias Henneberg

Direttore Pietro Borgonovo
Regia Georg Schmiedleitner
Scene Harald Thor
Costumi Tanja Hofmann
Luci Marco Dietzel
Dramaturg Juliane Schunke

Ensemble da Camera della Fondazione Teatro Comunale di Modena

Coproduzione
Sächsische Staatsoper Dresden
Festival di Pasqua di Salisburgo
Fondazione Teatro Comunale di Modena
NUOVO ALLESTIMENTO

 

Compositore veneto e direttore d’orchestra scomparso prematuramente (1920-1973), Bruno Maderna fu tra i massimi esponenti dell’avanguardia storica europea a fianco di Boulez, Stockhausen, Nono, Berio e Messiaen. Il Satyricon fu composto nel suo ultimo anno di vita e rappresentato per la prima volta all’Holland Festival di Scheveningen il 16 marzo 1976.

L’opera è tratta dall’omonima novella romana di Petronio (ca. 60 DC), scritta durante il regno di Nerone. È costituita da un collage di sedici numeri diversi, intercambiabili, intesi come simbolo di decadenza e depravazione scaturite dalla seconda guerra mondiale. Il materiale musicale fu elaborato durante un seminario tenuto nel 1971 sotto la direzione di Maderna e del produttore d'opera americano Ian Strasfogel. Il compositore ha creato un'opera forte, oscena e volgare, ma allo stesso tempo piena di vitalità e ricca di citazioni famose. Attraverso l’uso di lingue diverse, inglese, tedesco, francese e latino, i personaggi dialogano in tono allegro e fatalista mentre sprofondano attraverso gli abissi della loro stessa dignità.

Lo spettacolo è frutto di una coproduzione internazionale che vede il Teatro di Modena a fianco di due delle più prestigiose istituzioni musicali europee: il Festival di Salisburgo, dove è andato in scena la scorsa Pasqua, e la Staatsoper di Dresda.

Argomento
Otto commensali si raccontano l'un l’altro in modo ipocrita durante una cena orgiastica in casa di Trimalchio - ex schiavo romano arricchito - ostentando le loro ricchezze e attribuendo al denaro le sue tante virtù.

leggi le note al programma



La stagione lirica 2018-2019 al Teatro Comunale Luciano Pavarotti si inaugura venerdì 26 e domenica 28 ottobre con Il Corsaro di Giuseppe Verdi nella sua prima rappresentazione a Modena in tempi moderni. La prima volta di questo titolo a lungo ‘dimenticato’ del compositore bussetano cadde infatti nel carnevale della stagione 1852-53, 5 anni dopo il debutto al Teatro Grande di Trieste. L’opera fu riscoperta con sporadiche esecuzioni a partire dagli anni Sessanta per arrivare negli Stati Uniti solo nel 1981 e venire lentamente rivalutata presso il grande pubblico. Alla storia della sua messa in scena ha contributo il pregiatissimo spettacolo che il regista Lamberto Puggelli firmò per il Teatro Regio di Parma nel 2004, ripreso con successo dal Festival Verdi nel 2008 e, nel 2015, dalla moglie Grazia Pulvirenti. Sarà proprio in questa veste che Il Corsaro andrà in scena a Modena, in una nuova coproduzione con i Teatri di Piacenza e sotto la bacchetta di Matteo Beltrami.

 

Il 9 e 11 novembre si vedrà il Satyricon di Bruno Maderna, uno dei pochi titoli dell’avanguardia storica europea, raramente rappresentato, che il Teatro Comunale presenta al suo pubblico in una coproduzione che affianca Modena a due delle più prestigiose istituzioni musicali al mondo: il Festival di Pasqua di Salisburgo e la Staatsoper di Dresda.

Il 23 e 25 novembre 2018 andrà in scena Le Villi di Giacomo Puccini in un allestimento curato dal Teatro in coproduzione con Reggio Emilia e presentato per la prima volta nella nuova edizione critica curata da Martin Deasy per l’editore Ricordi. Opera-ballo con tre soli interpreti e della durata di un’ora circa, Le Villi è il primo lavoro per il teatro composto da Giacomo Puccini e costituì il passo decisivo verso la sua gloria di operista internazionale. La danza, che costituisce un aspetto centrale di quest’opera, è curata da Fernando Melo, coreografo brasiliano affermato in Europa con una vasta esperienza in campo operistico. Cristina Pezzoli firma la regia dopo il successo del Trittico di Puccini, uno degli spettacoli più belli del Teatro Comunale ripreso la scorsa stagione e creato nel 2010.

Il 16 dicembre, nell’ambito del progetto che il Teatro Comunale dedica ogni anno alla commissione e alla creazione di nuove opere, con particolare attenzione per gli autori italiani, andrà in scena, in prima assoluta, Il Castello Incantato, favola musicale natalizia ispirata al Soldatino di Stagno di Hans Christian Andersen. La musica è di Marco Taralli, compositore attivo presso le più note istituzioni musicali, orchestre, ensemble e solisti nelle maggiori Stagioni e Festival in Italia e all’estero e il testo di Fabio Ceresa, regista e autore di libretti per il Teatro Carlo Felice di Genova, l’Opera di San Francisco e il Teatro Comunale di Bologna.

Dopo Il trovatore, La traviata, Attila e Nabucco delle scorse stagioni, il cartellone del Comunale torna al grande repertorio verdiano con un nuovo allestimento de La forza del destino (25 e 27 gennaio), assente a Modena da oltre dieci anni, presentato in coproduzione con i Teatri di Piacenza e Reggio Emilia. La parte visiva è firmata da Italo Nunziata, conosciuto a Modena per le regie de L’Olimpiade (2003) e di Notte per me luminosa (2016). Il ruolo femminile principale sarà affidato ad Anna Pirozzi, già apprezzata a Modena nella Wally (2017). Soprano di fama internazionale, subito prima e dopo la produzione modenese sarà Abigaille in Nabucco al Teatro San Carlo di Napoli, all'Opéra de Lyon, al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi e alla Bayerische Staatsoper di Monaco.

Appuntamento fra i più attesi del cartellone lirico modenese (15 e 17 febbraio) sarà Andrea Chénier di Umberto Giordano in una nuova produzione che nasce a Modena nel contesto di una coproduzione internazionale, oltre che con i Teatri di Piacenza, Reggio Emilia e Parma, anche con l’Opéra de Toulon. Lo spettacolo prosegue nel progetto di rivalutazione del cartellone modenese di titoli popolari della Giovane Scuola che ha visto in scena le scorse stagioni La Rondine, L’Amico Fritz, La Wally e La Gioconda. Nei ruoli principali dell’opera si esibiranno tre interpreti di fama internazionale quali Martin Muehle, che ha cantato il ruolo del titolo alla Deutsche Oper di Berlino a maggio 2017, Saioa Hernández, che sarà Odabella in Attila per l’inaugurazione della prossima stagione al Teatro alla Scala di Milano, e Claudio Sgura, che nel 2019 sarà anche Scarpia nella Tosca al Teatro Metropolitan di New York. La stagione del Teatro Comunale ritorna, dopo il Giulio Cesare di Händel del 2011, all’opera barocca con Serse (4 e 7 aprile) uno dei titoli più importanti dello stesso autore. Lo spettacolo, che debutterà al Valli di Reggio Emilia in coproduzione con Modena e Piacenza, è realizzato nella parte musicale da Ottavio Dantone e dalla sua Accademia Bizantina, complesso ormai storico e fra i più noti a livello internazionale per l’esecuzione di musica antica con prassi originale. La regia è firmata da Gabriele Vacis, uno dei maggiori registi teatrali italiani, mentre nel ruolo en travesti del titolo si ascolterà Arianna Vendittelli, interprete specializzata nel repertorio barocco, vincitrice nel 2017 del secondo premio al concorso Händel di Londra e in cartellone all’Internationale Händel-Festspiele di Göttingen nel maggio 2018.

ABBONAMENTI

Turno A e Turno B  6 spettacoli (da 114€ a 270€)

ACQUISTO ABBONAMENTI
Abbonati alla Stagione precedente: da sabato 15 settembre a martedì 9 ottobre

per gli abbonati alla stagione precedente che intendono confermare il loro posto;
mercoledì 10 e giovedì 11 ottobre per gli abbonati alla stagione precedente che desiderano
cambiare posto e/o turno;
Nuovi abbonati: da sabato 13 ottobre

ACQUISTO BIGLIETTI
da sabato 20 ottobre sono in vendita i biglietti per tutti gli spettacoli della stagione Opera 2018/19

 

PRELAZIONE DA SABATO 15 SETTEMBRE

NUOVI ABBONAMENTI DA SABATO 13 OTTOBRE

IL CORSARO

VENERDI’ 26 OTTOBRE h. 20

TURNO A

DOMENICA 28 OTTOBRE h. 15.30

TURNO B

SATYRICON

VENERDI’ 9 NOVEMBRE h. 20

TURNO A

DOMENICA 11 NOVEMBRE h. 15.30

TURNO B

LE VILLI

VENERDI’ 23 NOVEMBRE h. 20

TURNO A

DOMENICA 25 NOVEMBRE h. 15.30

TURNO B

LA FORZA DEL DESTINO

VENERDI’ 25 GENNAIO h. 20

TURNO A

DOMENICA 27 GENNAIO h. 15.30

TURNO B

ANDREA CHENIER

VENERDI’ 15 FEBBRAIO h. 20

TURNO A

DOMENICA 17 FEBBRAIO h. 15.30

TURNO B

SERSE

GIOVEDI’ 4 APRILE h. 20

TURNO A

DOMENICA 7 APRILE h. 15.30

TURNO B

 

ABBONAMENTO A TUTTI E 6 GLI SPETTACOLI Intero Ridotto Ridotto fino a 27 anni Ridotto da 28 a 33 anni Ridotto da 65 anni in poi STUDENTCARD
Platea 270,00€ 243,00€ 135,00€ 216,00€ 189,00€ 67,50€
Palco di I e II fila centrale
Posto davanti 270,00€ 243,00€ 135,00€ 216,00€ 189,00€ 67,50€
Posto dietro 229,00€ 206,00€ 114,50€ 183,00€ 160,50€ 57,00€
Ingresso 175,00€ 157,50€ 87,50€ 140,00€ 122,50€
Palco di I e II fila laterale
Posto davanti 229,00€ 206,00€ 114,50€ 183,00€ 160,50€ 67,50€
Posto dietro 175,00€ 157,50€ 87,50€ 140,00€ 122,50€ 57,00€
Ingresso 149,00€ 134,00€ 74,50€ 119,00€ 104,50€
Palco di III e IV fila centrale
Posto davanti 229,00€ 206,00€ 114,50€ 183,00€ 160,50€ 57,00€
Posto dietro 175,00€ 157,50€ 87,50€ 140,00€ 122,50€ 43,50€
Ingresso 149,00€ 134,00€ 74,50€ 119,00€ 104,50€
Palco di III e IV fila laterale
Posto davanti 175,00€ 157,50€ 87,50€ 140,00€ 122,50€ 57,00€
Posto dietro 149,00€ 134,00€ 74,50€ 119,00€ 104,50€ 43,50€
Ingresso 114,00€
Loggione
Posto a sedere 114,00€

ALTRE INFORMAZIONI ABBONAMENTI

IN VENDITA DA SABATO 20 OTTOBRE

IL CORSARO

VENERDI’ 26 OTTOBRE h. 20

TURNO A

DOMENICA 28 OTTOBRE h. 15.30

TURNO B

SATYRICON

VENERDI’ 9 NOVEMBRE h. 20

TURNO A

DOMENICA 11 NOVEMBRE h. 15.30

TURNO B

LE VILLI

VENERDI’ 23 NOVEMBRE h. 20

TURNO A

DOMENICA 25 NOVEMBRE h. 15.30

TURNO B

IL CASTELLO INCANTATO               DOMENICA 16 DICEMBRE h. 17

Fuori abbonamento

LA FORZA DEL DESTINO

VENERDI’ 25 GENNAIO h. 20

TURNO A

DOMENICA 27 GENNAIO h. 15.30

TURNO B

ANDREA CHENIER

VENERDI’ 15 FEBBRAIO h. 20

TURNO A

DOMENICA 17 FEBBRAIO h. 15.30

TURNO B

SERSE

GIOVEDI’ 4 APRILE h. 20

TURNO A

DOMENICA 7 APRILE h. 15.30

TURNO B

 

 

IL CORSARO
LA FORZA DEL DESTINO
ANDREA CHENIER
Intero Ridotto Ridotto fino a 18 anni Ridotto da 19 a 27 anni Ridotto da 28 a 33 anni Ridotto da 65 anni in poi
Platea 65,00€ 58,50€ 19,50€ 32,50€ 52,00€ 45,50€
Palco di I e II fila centrale
Posto davanti 65,00€ 58,50€ 19,50€ 32,50€ 52,00€ 45,50€
Posto dietro 55,00€ 49,50€ 16,50€ 27,50€ 44,00€ 38,50€
Ingresso 42,00€ 38,00€ 12,50€ 21,00€ 33,50€ 29,50€
Palco di I e II fila laterale
Posto davanti 55,00€ 49,50€ 16,50€ 27,50€ 44,00€ 38,50€
Posto dietro 42,00€ 38,00€ 12,50€ 21,00€ 33,50€ 29,50€
Ingresso 36,00€ 32,50€ 11,00€ 18,00€ 29,00€ 25,00€
Palco di III e IV fila centrale
Posto davanti 55,00€ 49,50€ 16,50€ 27,50€ 44,00€ 38,50€
Posto dietro 42,00€ 38,00€ 12,50€ 21,00€ 33,50€ 29,50€
Ingresso 36,00€ 32,50€ 11,00€ 18,00€ 29,00€ 25,00€
Palco di III e IV fila laterale
Posto davanti 42,00€ 38,00€ 12,50€ 21,00€ 33,50€ 29,50€
Posto dietro 36,00€ 32,50€ 11,00€ 18,00€ 29,00€ 25,00€
Ingresso 27,50€
Loggione
Posto a sedere 27,50€
Ingresso 19,50€

 

LE VILLI
SATYRICON
SERSE
Intero Ridotto Ridotto fino a 18 anni Ridotto da 19 a 27 anni Ridotto da 28 a 33 anni Ridotto da 65 anni in poi
Platea 40,00€ 36,00€ 12,00€ 20,00€ 32,00€ 28,00€
Palco di I e II fila centrale
Posto davanti 40,00€ 36,00€ 12,00€ 20,00€ 32,00€ 28,00€
Posto dietro 34,00€ 30,50€ 10,00€ 17,00€ 27,00€ 24,00€
Ingresso 26,00€ 23,50€ 8,00€ 13,00€ 21,00€ 18,00€
Palco di I e II fila laterale
Posto davanti 34,00€ 30,50€ 10,00€ 17,00€ 27,00€ 24,00€
Posto dietro 26,00€ 23,50€ 8,00€ 13,00€ 21,00€ 18,00€
Ingresso 22,00€ 20,00€ 6,50€ 11,00€ 17,50€ 15,50€
Palco di III e IV fila centrale
Posto davanti 34,00€ 30,50€ 10,00€ 17,00€ 27,00€ 24,00€
Posto dietro 26,00€ 23,50€ 8,00€ 13,00€ 21,00€ 18,00€
Ingresso 22,00€ 20,00€ 6,50€ 11,00€ 17,50€ 15,50€
Palco di III e IV fila laterale
Posto davanti 26,00€ 23,50€ 8,00€ 13,00€ 21,00€ 18,00€
Posto dietro 22,00€ 20,00€ 6,50€ 11,00€ 17,50€ 15,50€
Ingresso 17,00€
Loggione
Posto a sedere 17,00€
Ingresso 12,00€

 

IL CASTELLO INCANTATO
Fuori abbonamento
Intero  Ridotto fino a 18 anni
POSTO UNICO
10,00€ 5.00€

ACQUISTO ONLINE: ACCEDI

ALTRE INFORMAZIONI BIGLIETTI

La Fondazione Teatro Comunale di Modena presenta un cartellone lungo l’intera stagione autunnale e primaverile e che spazia dai titoli del repertorio antico, al musical, al teatro musicale contemporaneo commissionando ogni anno, caso forse unico fra i teatri nazionali, un nuovo titolo ad autore italiano. Punto centrale della stagione resta il grande repertorio del melodramma italiano ottocentesco.

In questi anni la Fondazione ha indirizzato le sue linee progettuali verso l’innovazione e la diversificazione della programmazione artistica, con un arricchimento dell’offerta culturale tale da attrarre fasce diverse di pubblico, oltre a garantire continuità nel produrre eventi di alta qualità artistica nell’ambito del repertorio tradizionale. La qualità della produzione è stata riconosciuta tra l’altro - oltre che dal successo internazionale ottenuto dalle incisioni del Trittico pucciniano per la TDK-Rai Trade e dal Flauto Magico diretto da Claudio Abbado per la Deutsche Grammophon - dall’assegnazione del Premio Abbiati 2008 per la coproduzione del Fidelio di Beethoven diretto dal Maestro Claudio Abbado. Inoltre è stato conferito il Premio Abbiati come miglior cantante per il 2008 al baritono Vito Prianti quale interprete del Motezuma di Vivaldi, rappresentato al Comunale nel marzo del 2008. Diverse registrazioni radiofoniche (Radio Tre suite, per alcune nuove produzioni del Teatro) e televisive (Sky Classica, nel caso dell’opera commissionata a Carlo Boccadoro Cappuccetto Rosso) attestano altresì l’interesse nazionale per le produzioni del Teatro Comunale di Modena.

 

Il Teatro mantiene intensi rapporti di coproduzione con la Fondazione Lirica bolognese e gli altri Teatri di Tradizione della Regione e nazionali, nonché di collaborazione con le scuole di canto guidate a Modena da Mirella Freni e Raina Kabaivanska con le quali nell’ultimo biennio ha messo in scena con successo unanime La Bohème e Le Nozze di Figaro.

Significativo è inoltre lo sforzo di offrire al pubblico della città titoli assenti da più di trent’anni o addirittura mai rappresentati, come Peter Grimes di Britten, Arianna a Nasso di Strauss e La Gioconda di Ponchielli, l’Orfeo ed Euridice di Gluck, Il Trittico di Puccini, Iris di Mascagni, Motezuma di Vivaldi, Fidelio di Beethoven, Partenope di Händel, I due Foscari di Verdi, Elektra di Strauss, Cavalleria Rusticana di Mascagni e Pagliacci di Leoncavallo, Il prigioniero di Dallapiccola, Giulio Cesare di Händel, Romeo et Juliette di Gounod e Don Carlodi Giuseppe Verdi.

La stagione trascorsa e quella prossima vedono il Teatro impegnato nella celebrazione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, di cui sono state fino ad ora rappresentate due nuove produzioni del Don Carlo e di Otello.

I dettagli delle scorse stagioni sono consultabili nella sezione archivio di questo sito.